Vota questo sito

LE POESIE DI DANIELE

Scarica le Poesie in PDF Scarica le Poesie in PDF

LE RIVISTE DI DANIELE

I SERVIZI AEREI SPECIALI I SERVIZI AEREI SPECIALI

Seleziona la lingua

Visite

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi239
mod_vvisit_counterIeri269
mod_vvisit_counterQuesta settimana508
mod_vvisit_counterScorsa settimana2196
mod_vvisit_counterQuesto mese6234
mod_vvisit_counterMese scorso9536
mod_vvisit_counterTotale784843

We have: 29 guests, 1 bots online
Il tuo IP: 173.245.54.46
 , 
Today: 22 Ott 2019

HO DATO ALLE STAMPE, IN POCHISSIME COPIE, UN MIO RACCONTO DAL TITOLO “ELOGIO DELLA CAZZIMMA”

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.



Onelio D’Onelio nasce a Mediori, in Costiera Amalfitana e, da giovane, è bel ragazzetto, magro, con tanti capelli neri in testa e con nessun sogno nel cassetto. E chi l’ha detto che i giovani i sogni ce li debbano avere per forza? Si chiederà, per poi aggiungere “Io di sogni non ne tenevo, anche perché non mi avevano insegnato a sognare.”

Parlando della sua famiglia affermerà poi “Noi non eravamo semplicemente poveri, noi eravamo così poveri che, una volta che vennero i ladri a casa, ci lasciarono diecimila lire sul comò. Mio padre era falegname e già questo la dice lunga sulle possibilità economiche della famiglia: basta pensare che Gesù, volendo nascere povero, si scelse il padre falegname. All’improvvida situazione familiare contribuiva uno stato di perenne disoccupazione di tutti i miei fratelli. A casa mia, della disoccupazione si faceva una professione di fede. Era quasi un fatto religioso. Ci sono razze bianche, negre, gialle, con gli occhi a mandorla, i capelli lisci o crespi. La nostra era una razza di disoccupati. Peggio di noi c’era solo la famiglia di zio Silvio. Erano così miserabili che avevano il frigorifero dipinto sul muro.”

Fin da piccolo, il giovane D’Onelio si scontrerà con la “cazzimma” della gente, la prima a fargliela conoscere è zia Amelia, una terribile zia signorina che vive con la sua famiglia. L’intero volume, le vicende di Onelio qui raccontate servono proprio a descrivere cosa sia la cazzimma e perché, a volte, sia cosa indispensabile nella vita. Chi pensa che la cazzimma sia, semplicemente, una cattiveria gratuita verso gli altri si sbaglia e di grosso. È, invece, un modo di intendere la vita, una filosofia dell’esistenza. Come tutte le scuole di pensiero, anche questa ha suoi maestri e la fortuna di Onelio sarà quella di incontrare Ciccio Vallefuoco “Maestro di cazzimma” che lo instraderà sulla via della conoscenza.

Insomma, un libro senza la lettura del quale è anche possibile sopravvivere ma con grosse difficoltà. A leggerlo ci si guadagna di sicuro.